Milano

Cenerentola: Una favola lunga un’acrobazia.

5 marzo 2014

“Ciao, hai da fare questa sera? Ho due biglietti per la prima di Cenerentola al teatro Nazionale. Vieni?”

“Mmm.. ma veramente io.. Ok.”

Molto bene.. Di corsa in metro, direzione Wagner. Confesso, che vedevo continuamente cartelli pubblicitari di “Cercasi Cenerentola” e fino all’ultimo ero convinta andassimo a vedere quello spettacolo, senza collegare che sono a due teatri differenti. Celapuoifare. Ovviamente la locandina si è rivelata diversa. Ehehe. Ops.

Lo spettacolo iniziava alle 20.30, stranamente in anticipo, ci siamo dedicati a un giretto in zona, e poi Apericena. Noi l’abbiamo fatto qui, attratti dalla composizione del piatto degli stuzzichini, scenografico, semplice ma d’effetto, e come si sa, anche l’occhio vuole la sua parte, e anche il posto si è rivelato piacevole.

 photo 20140304_193928.jpg

Ma eccoci in teatro, postazione bellissima con un’ottima visuale del palco. Una lettura veloce alla brochure che anticipa “Cenerentola, il più grande show per la famiglia, è il debutto assoluto de’ La Fiesta Escenica, sul palco trenta interpreti provenienti da tutto il mondo, con oltre 250 costumi e un’imponente scenografia di 18 metri. La compagnia è stata definita a metà strada tra il Cirque du Soleil e Walt Disney”. Una parola sola: Waaw.

Comincia lo spettacolo. Un buffo personaggio ne annuncia l’inizio, rigorosamente in spagnolo, e si apre il sipario.

Si viene immediatamente travolti dalla simpatia e dall’armonia della scena. Tutta la storia è raccontata attraverso la mimica perfetta dei personaggi. Devo ammettere, forse il mio lato cinico che è prevalso ha fatto si che apprezzassi la matrigna, ma è un’attrice fantastica, ironica, con una mimica facciale e corporea unica, visibile e capibile anche dall’ultimo posto in fondo al teatro.

Le abilità circensi. I volteggi, le acrobazie, le snodature, sono semplicemente spettacolari, di grande effetto, da far rimanere con il fiato sospeso e con uno sguardo meravigliato a ogni piccola mossa, fatta con una tale eleganza, armonia e semplicità da farla risultare la cosa più semplice dopo camminare. Inevitabile il domandarsi ripetutamente come facciano e se siano degli invertebrati. La scena è interamente dedicata a chi esegue il numero, e durante questo anche le altre figure presenti si fermano ad osservare cosicché non si rischia di essere distratti da atro.

Nel mio passato da ballerina alcuni movimenti fatti li eseguivo anch’io, ora credo che rischierei di rimanere bloccata presa dal colpo della strega per l’eternità.

Le musiche. Stupende, dolcissime, che accompagnano le abilità circense come se fossero state create apposta. Ho riconosciuto una melodia durante lo spettacolo dei “The Piano Guys: Beethoven’s 5 Secrets” (ho scoperto questo gruppo con il cd di Natale, e li ho adorati dal primo istante) ascoltatela, che è stupenda!

I balletti. Armoniosi, sincronici, eleganti, semplicemente perfetti.

I costumi. Meravigliosi, ricchi di particolari unici e da come ricordo io, molto simili al cartone. Il costume indossato da Cenerentola per andare al ballo di corte è ornato da oltre 5.000 strass montati su una speciale struttura di sostegno in fili di titanio necessaria per permettere all’attrice di muoversi e ballare nonostante i quasi 20 chilogrammi di peso dell’intero costume. Anche i costumi degli acrobati perfetti, ricoperti di strass, come una seconda pelle cucita addosso. Per non parlare dei topini: fantastici, un po’ grandi forse, ma proporzionati al vestito di 18 metri credo, perché occupava tutta la scenografia.

E’ uno show per tutta la famiglia, grandi e piccini, infatti dietro me c’era una bambina dolcissima, che ha commentato tutto lo spettacolo. E menomale che c’era lei che suggeriva, perché alcuni personaggi mi erano nuovi. Son passati alcuni anni dall’ultima volta che ho visto il cartone, c’erano ancora le cassette. Chissà, magari hanno variato un po’ la storia aggiungendoci qualche personaggio, o semplicemente la mia memoria si è offuscata.  Chissà.

Sono sempre stata affascinata dal circo, per cui non posso che giudicare questo spettacolo più che positivo. Quindi se capitate qui, fateci un salto, ne rimarrete soddisfatti. Sarà al Nazionale dal 4 al 16 marzo.

Buona visione.

 photo 20140304_215432.jpg

Link utili:

Potete acquistare i biglietti direttamente da Ticketone

Per ulteriori informazioni Teatro Nazionale Cenerentola

Sito internet La fiesta Escénica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: