Viaggi

Sardegna: 10 cose da fare e da vedere

29 marzo 2016

Ho smesso di tenere il conto di quanti anni ho visitato e apprezzato questa meravigliosa terra e di quanti ancora ne passerò.
Per quanto mi opponga ogni anno per cercare di visitare e scoprire nuovi posti, inevitabilmente si ripresenta il mio “Mal di Sardegna“, che mi prende giusto da quando arriva il primo caldo e non mi lascia più finché non sbarco sul suolo sardo.

Conosco meglio il nord, precisamente Golfo Aranci, San Teodoro e la Costa Smeralda, ma non nego che mi piacerebbe perdermi nel sud tra le terre selvagge, le miniere e le spiagge, dove regna solo la natura incontaminata.

Ecco i miei 10 consigli di cosa fare nella Sardegna del nord.

1 – Arrampicarsi verso la roccia dell’Orso

Considerato Monumento Naturale della regione, una gigantesca formazione rocciosa che nel corso dei millenni ha assunto la sagoma di un orso. Camminate lungo il sentiero panoramico per ca. 30 minuti. Una volta giunti in cima, ai piedi del gigante si può ammirare un affascinante panorama che abbraccia la Costa di Palau e La Maddalena.

2 – Addentrarsi nella miniera di Lula

Situata in provincia di Nuoro vi aspetta un’esperienza unica. Una visita guidata nel sottosuolo, accompagnata dai minatori che un tempo lavoravano all’interno, vi trasmetteranno la passione e il sapere che li caratterizza. Fin dall’antichità veniva estratto argento e galena e si possono osservare tutti i processi di lavorazione dei minerali.

Meteorologici improvvisati

3 – Mangiare un pasto tutto Sardo

La cucina è ricca di delizie. Il posto migliore per farlo è sicuramente in un agriturismo nell’entroterra. Di solito hanno una gestione familiare e oltre al clima intimo si trova la tipica cucina casalinga, salutare a prezzi economici. Fatevi una scorpacciata in generale e non dimenticate di assaggiare i Malloreddus, Culurgiones, Seadas.

4 – Un bagno a Cala Brandinchi

Si trova nella località di Capo Coda Cavallo nel comune di San Teodoro. E’ la spiaggia che preferisco, conosciuta anche come piccola Tahiti. Qui le spettacolari sfumature dell’acqua rimangono impresse, affascinano a tal punto che si ricorderanno sempre, anche nei giorni plumbei in città. Colori paradisiaci, spiaggia bianca, acqua dall’azzurro cristallino, al turchese, fino al blu più scuro vi invaderanno per regalarvi un’esperienza unica.

20150820_163602

5 – Passeggiare a Porto Rotondo

Personalmente preferisco Porto Rotondo a Porto Cervo, lo trovo più intimo e più confortevole. E’ una mia personale attività passeggiare tra le banchine dei porti a rimirare le barche. Oltre a questo si possono osservare i deliziosi e unici negozietti e le tipiche librerie sul mare (Qui il post)

6 – Camminare nel blu a Santa Teresa di Gallura

Se cercate il blu per eccellenza questo è il posto migliore. Fate la passeggiata che parte dalla chiesa di San Vittorio, seguite i colori turchesi e blu e continuate fino al mare. Se capitate in una giornata limpida potreste vedere le Bocche di Bonifacio (Qui il post). Ricordatevi di respirare a pieni polmoni!

Santa Teresa di Gallura

7 – Shopping tra le bancarelle notturne di San Teodoro

Ogni sera in questa meravigliosa cittadina ci sono le bancarelle con prodotti artigianali, bigiotteria e streetfood. I turisti vengono da ogni parte della Sardegna, è una tappa obbligatoria. Consiglio: visitatele la sera presto, la ressa di gente si forma facilmente.

8 – Salpare in Barca a Vela nell’arcipelago della Maddalena

Da amante delle barche a vela, non posso far altro che proporvi questa meravigliosa esperienza. Noleggiatene una a Palau con skipper, magari una antica di legno, dividetela con altre poche persone, amici o sconosciuti, e immergetevi nelle acque paradisiache dell’arcipelago della Maddalena. Tappe obbligatorie a Santa Maria, Budelli e Spargi.

2012-08-28 12.13.31

9 – Un’escursione all’isola de La Maddalena

Si può raggiungere facilmente dal porto di Palau con le motonavi o traghetti che partono ogni trenta minuti ca. Si può visitare la cittadina a piedi passeggiando tra le stradine, in biciletta, o in macchina, utile per raggiungere Caprera e la casa di Garibaldi.

10 – Perdersi tra storia e leggende dei Nuraghi

Riconosciuti come patrimonio dell’Umanità, i nuraghi sono la massima espressione architettonica e simbolica dell’antica civiltà sarda. Ciò che rende magica la visita ai villaggi nuragici è che nessuno ancora riesce a capire quale sia stata la loro reale funzione. C’è chi sostiene che abbinano un’ipotesi militare, come fortezza difensiva, chi religiosa, come tomba, o come osservatorio astronomico della volta celeste. Ciò che è certo è che rimarrete estasiati dalla bellezza e semplicità di queste costruzioni. Il consiglio è di visitarli con una guida.

Testimonianze dal passato - Nuraghe Albucciu

 

Link Utili:

– Miniera di Lula e miniere presenti sul territorio sardo Qui

– Nuraghi: storia e principali siti nuragici Qui

Trovate altre foto e video qui: Flickr

 

  1. I tuoi racconti sono sempre ottimi spunti per dei veri viaggi. bellissimo blog, lo seguo con super interesse.
    Aspetto con ansia il tuo prossimo racconto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: