Life

If you can dream it, you can do it.

7 maggio 2015

Il motto celebre della Disney cita così, e in effetti è un mantra che dovremmo adottare, semplicemente per vivere meglio.

La domanda è, voi sapete cosa sognate? I vostri sogni si realizzano?

Io non lo sapevo, fino a un mese fa. O meglio, sognavo ma in modo sbagliato.

La vita è bizzarra, è divertente, e ti sorprende sempre, quando meno te lo aspetti. E ti mette sempre nella posizione di dover scegliere tra una cosa e l’altra.

E’  incredibile come un corso, delle persone ti facciano rendere conto di cosa vuoi essere davvero, di chi vuoi diventare, e di chi ti vuoi circondare. Vorresti avere la macchina del tempo per poter tornare indietro e scegliere sin da subito questa strada, questo tipo di persone. Ma non è possibile, non esiste, per cui ti convinci e ti viene dimostrato ogni giorno che le scelte fatte fino ora, le delusioni, i fallimenti e le lacrime sono davvero servite. Semplicemente per farti aprire gli occhi, oltre che a rafforzarti.

Alcune cose ti fanno sentir viva, battere il cuore e far tremare le gambe. Ecco, se ci sono tutte queste emozioni, forse è quella la strada da scegliere, forse è quello il modo.

E se ti va bene ti viene rivelato anche dove vuoi andare, ma di questo ho sempre il pallino di una città, e non si sposta, è sempre lì in agguato e salta sempre fuori quando ormai credo di essermelo dimenticato. Forse è davvero quello il mio sogno, se continua a ricorrere dopo anni con una frequenza alta. Forse è davvero lì che devo andare, e forse come qualcuno mi ha detto sto solo “temporeggiando” in attesa che si verifichi.

Forse, forse, forse.

Ma è difficile prendere una decisione così importante, soprattutto ora che hai capito cosa – dove – chi vuoi.

Come di sceglie?

Nell’indecisione, io lascio che questa ondata mi faccia battere il cuore, mi dia una scarica di adrenalina costante e che mi faccia tremare le ginocchia. E intanto continuo a sognare, perché si sa, i sogni son desideri di felicità.

Altri sogni invece partono dalla testa e li rimangono, e ti chiedi come sia possibile che non si siano avverati, proprio quello che tanto desideravi è rimasto lì, immobile nella tua testa. Quindi l’unica domanda che sorge spontanea più e più volte è “ma è stato tutto irreale? Era solo davvero nella mia testa?” Chi lo saprà mai.

Una cosa è certa: la mia testa è davvero un posto incasinato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: