Life

Lui era un businessman

19 aprile 2015

alice 

.. lui era un businessman con tante idee in testa, lei una stagista a forfait ..

Una cotta per un businessman prima o poi ce la prendiamo tutte. Sarà il fascino della giacca e cravatta, lo smartphone alla mano, tutti quei termini complicati che citano nelle conversazioni che, onestamente che ce frega sapere che dicono, ma incantano. Sarà che appaiono ancora più belli illuminati dai led degli schermi dei pc, con quell’aria trasandata ma nello stesso tempo super curata. O sarà che è primavera e c’è l’ormone impazzito, e le uniche parole che riesci a pensare sono I gotta have you. I – gotta – have – you.

Ma.. cambia davvero tutto con un battito di ciglia, uno sguardo caldo, un solo minuto, e ti senti letteralmente svenire.

E’ che forse abbiamo bisogno di un tocco di eleganza, di un tocco di serietà, di maturità, insomma di un vero Gentleman che ti apra la porta quando esci, come se fosse un gesto naturalissimo, senza aspettare che sia tu a farlo perché sei più vicina all’interruttore.

Sarà che tutti i film, Disney a parte, ci hanno insegnato ad aspettarci il lieto fine, tipo lui che corre sotto la pioggia, ti afferra per un braccio e scatta quel bacio lunghissimo appassionato, ovviamente del tutto ignari della pioggia.

E forse nella realtà ci aspettiamo un finale epico, anche se non si presenta, non è abbastanza, continuiamo a sperarlo e forse a pretenderlo. Ma forse semplicemente non accade.

E la tua testa si riempie di dovevo, potevo, volevo.

In questo caso ammiro tantissimo quelle donne che sanno fare il primo passo, che colgono l’attimo, che non si fanno sfuggire l’opportunità e che se vogliono qualcosa la ottengono, punto, infischiandosi di qualunque conseguenza. Le mie amiche timidezza e inadeguatezza non lasciano mai la presa e io rimango con tutti i dovevo, potevo, volevo del momento.

Nulla accade per caso.

Ma ora mi fanno compagnia solo domande e parole.

Ho solo una risposta certa: il colpo di fulmine esiste davvero!

I wanna know if I’ll see you again?

Nel frattempo per non pensarci, corro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: