Londra

St. James’s Park: Perdetevi con me.

8 settembre 2014

Vorrei iniziare a raccontarvi partendo da un’esperienza che mi è successa ormai a metà vacanza, che mi ha letteralmente sconvolta e fatta rimanere senza fiato.

A Londra ero solita girare senza GPS o cartine, perché il GPS si sa scarica velocemente la batteria del cellulare, e alle mappe ci pensava la mia coinquilina, ma purtroppo per me lei è rimasta una sola settimana e dalla seconda ho dovuto arrangiarmi, soprattutto perché la ragazza che ha preso il suo posto era in modalità “sono in vacanza e vado a trovare le amiche che non vedo da una vita”. Quindi ho dovuto fare da me e trovarmi le strade da sola. Ma credete che ciò mi abbia fatto in qualche modo riflettere ad acquistare mappe o semplicemente accendere il GPS, no, certo che no. Ormai la conosco, pensavo, dopo una settimana che son qui so dove devo andare.

Ecco dunque che al termine delle lezioni giornaliere mi dirigo in metro per raggiungere Piccadilly Circus per visitare il M&M’S shop, una cosa tranquilla, ma come al solito la scuola di pomeriggio termina in concomitanza con la chiusura degli uffici e quindi nell’orario di punta, perciò per non soffocare in metro, mi ritrovo costretta a scendere a una fermata prima e procedere a piedi. Scesa vedo la National Gallery e con un’abile scrollata di spalle penso “l’ho vista ieri, ho fatto questa strada ieri, per cui so perfettamente dove andare”. Ecco, cosa da non fare mai, questa mia sicurezza ha fatto si che staccassi letteralmente il cervello mentre camminavo e mi sono trovata a seguire una comitiva di spagnoli credendo di percorrere la strada giusta. Collego l’emisfero destro a quello sinistro e mi accorgo di essere in mezzo ad una comitiva solo perché mi stavo annoiando del loro passo lento e decido quindi di superare, fiera del mio passo londinese e della padronanza delle strade.

Collegati gli emisferi inoltre realizzo di avere la sensazione di non sapere esattamente dove sono, quelle strade non mi sono molto familiari e vedo dall’altro lato della strada il cartello “voi siete qui”, ma mentre decido di attraversare mi accorgo di essere sotto un cartello in cui dice “Buckingham Palace 10 minuti”. Panico. Il cartello con la mappa mi conferma di essere più vicino che mai alla casa reale e di essere ovviamente lontano dal mio obiettivo.

 photo 2014-08-19161408.jpg

E che faccio, torno indietro alla disperata ricerca dello shop di cioccolato o proseguo? Con una sciocca risata, per prendermi un po’ in giro, decido di proseguire passando per un parco, il St. James’s Park.

 photo 2014-08-19161754.jpg

L’entrare in questo parco mi apre un mondo nuovo, come se avessi aperto una porta immaginaria e mi fossi trovata in un’altra stanza con un ambiente totalmente differente. Il verde acceso del parco, le aiuole di fiori colorati ovunque,

 photo 2014-08-19162652.jpg

quei simpatici scoiattolini addestrasti per farsi immortalare di continuo nelle foto, bambini che li rincorrono per dargli noccioline o semplicemente per cercare di accarezzarli, turisti che si fermano meravigliati ad osservarli e a ridere.

 photo 2014-08-19162132.jpg

Papere, cigni e pellicani che incantano bambini e non con la loro eleganza.

 photo 2014-08-19161840.jpg

Persone che passeggiano, che corrono, che si accomodano su simpatiche sdraio ovunque nel parco

 photo 2014-08-19161300.jpg

o per terra dove capita, per farsi raggiungere da quel meraviglioso raggio di sole che è spuntato e che scalda Londra. E mentre cerco di seguire i cartelli confusionari che indicano la distanza, rispettivamente 5 minuti di distanza.. 9 minuti.. 4 minuti.. 10 minuti, non capendo granché, decido di arrendermi e iniziare a seguire l’istinto. Così facendo mi ritrovo ad attraversare il lago passando su un ponte per raggiungere la sponda opposta, e qui ho una visione che mi blocca e mi strappa una lacrima. All’improvviso stavo guardando un quadro meraviglioso.

 photo 2014-08-19162356.jpg

Il tempo di riprendermi, e chiedo a due signore anziane che si sostengono l’una l’altra informazioni e cordialmente mi aiutano nella mia ricerca, ed ero vicina.

 photo 2014-08-19163320.jpg

Sono arrivata a Buckingham Palace.

 photo 2014-08-19163902.jpg

 photo 2014-08-19164321.jpg

 photo 2014-08-19164333.jpg

 photo 2014-08-19164211.jpg

 photo 2014-08-19164104.jpg

 

 photo 2014-08-19164612.jpg

Scatto due foto da buona turista, e mi siedo stremata con la visione del palazzo maestoso davanti a me

 photo 2014-08-19165129.jpg

e dietro il mio meraviglioso quadro a incorniciarmi.

 photo 2014-08-19165510.jpg

Piango. Un pianto di gioia, liberatorio, realizzando che tutto quello che era accaduto in quel pomeriggio, tutte le scelte che avevo fatto, le cose meravigliose che avevo visto, le persone che avevo incontrato, non erano altro che una metafora di quello che mi era accaduto negli ultimi tempi e che tutt’ora mi aspetta. Insomma mi era chiaro a cosa mi stava servendo questa vacanza e come mai fossi li. Con la gioia nel cuore e negli occhi e la stanchezza nel corpo mi dirigo sulla strada del ritorno per ritornare nella mia London’s HOME rassegnata a scaricare le mappe sul cellulare.

Per raggiungere Buckingham Palace potete prendere la Piccadilly Line e scendere a Green Park o farvi una bella passeggiata per il parco scendendo a Piccadilly Circus. O se volete le cose più comode potreste scendere direttamente a St. James’s Park nella Circle o District Line.

P.S. so che non sembrerebbe, ma le foto sono state scattate tutte nello stesso giorno e nelle stesse ore, è meraviglioso la rapidità in cui varia il tempo a Londra.

  1. Ecco cosa vorrei avere quando sono in viaggio, più tempo, più tempo per perdermi, per scoprire angoli nuovi o semplicemente per godere appieno quelli che ho avuto modo di visitare troppo in fretta. Londra l’adoro, vista due volte, ma sempre solo superficialmente, quindi vorrei davvero avere tempo e passeggiare senza mappa, e perdermi tra il caos, i colori, i parchi e le sue cosmopolite vie 😉 Buoni Viaggi! Monica

    1. Credo che perdersi sia stupendo, scopri dei lati della città unici e impari a gestire la situazione! Semplicemente meravigliosa Londra.
      Buoni viaggi anche a te Monica.
      Grazie di essere passata 😉

  2. Questo post è MERAVIGLIOSO. Si comprende perfettamente ciò che provavi e mi sono ritrovata in ogni parola.
    St. James’ Park è il mio posto preferito di Londra (ho anche una panchina preferita, lì) e lo trovo fantastico. Nel vero senso della parola, perché fa volare la fantasia e ti fa dimenticare di essere in una metropoli.

    Non vedo l’ora di leggerti ancora!!!

    Melania
    http://melschoice.wordpress.com

    1. Una panchina?!? 🙂 meravigliosooo! Si non sembra per niente di stare a Londra, la pace e la tranquillità che invadono il parco fanno dimenticare di essere in una metropoli affollata. Ti ringrazio per i complimenti 🙂

  3. A me piace arrivare a Buckingham Palace a piedi direttamente da Piccadilly Circus, scendendo giù per Trafalgar. Adoro!
    (non avevo capito che fossi li in vacanza-studio, pensavo solo vacanza!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: