Valencia

Valencia è la Mia città dell’Amore.

10 giugno 2016

A Valencia l’unica emozione che provo costantemente, per gran parte della giornata, è Amore. Non che sia innamorata fisicamente di qualcuno, o forse si. Come dicono qui, ni fu ni fa. Ovviamente nella categoria dei trentenni con la sindrome da Peter Pan che rendono la vita difficile. Ma questo è un altro discorso.

Per me questa è la città dell’Amore. E’ assurdo, lo so, invece che affermare come tutti che la città per eccellenza legata a questa emozione sia Venezia, io invece la lego qui.

Amore per una terra e una cultura a me completamente sconosciuta.
Ho imparato ad amare giorno per giorno, chiedendo, parlando e informandomi con conoscenti e gente sconosciuta. Non conoscevo nulla di questa terra, ora mi insulterei.

Amore per una lingua detestata.
Forse sono, o meglio ero, l’unica italiana che detestava lo spagnolo. Insomma, paragonandola con il mio primo e unico amore, l’inglese, non aveva nulla a che fare. La reputavo “dura e brutta da sentire”, difficile da parlare. Ancora adesso, sono convinta che per pronunciare la jota (J) bene, come un vero spagnolo, occorra una bronchite pazzesca.

Amore per la benedizione che ho ricevuto.
Di poter vivere questa esperienza nel momento migliore in cui mi potesse capitare. E’ vero, ci vengono donate le cose quando siamo veramente pronti ad accettarle e a viverle nella gioia pura. Altrimenti sarebbero solo momenti sprecati. Ora riesco a capire il significato della frase: tempo al tempo!

Amore per me stessa.
Che ho imparato a donarmi per sopravvivere e finalmente vivere. Leggi un’infinità di libri che ti spiegano che al di là della confort zone inizia la vera vita, il fatidico momento che aspettavi da tempo. Bene. Bravi. Ottime parole. Ma nessuno ti spiega realmente quanto sia difficile, usciti dalla confort zone prendersi realmente cura di se. Di quanto sia complicato capire ciò di cui hai bisogno in quel preciso istante. E che per una volta, per questa volta, scopri che vieni tu prima degli altri. Che tu sei l’unica cosa da ascoltare e prendere in considerazione. Che tu vali. Sono parole assurde per chi lo vive da anni, me ne rendo conto. Ma ora, più che mai, mi rendo conto di quanto lavoro ci sia dietro. Meraviglioso lavoro.

Amore per le persone che ho conosciuto.
Solari con il sorriso in volto, disponibili. Se poi mi parlino alle spalle in valenciano, soprattutto, non ne ho idea. Un pensiero mi assilla. Ma cos’è questa storia che gli spagnoli siano “calienti”?! Chi ha messo in giro questa voce? A me sembrano un po’ così.. moscetti. Mi riferisco agli uomini. Me li aspettavo un po’ più focosi, più giocosi. No.

Amore per una città incantata.
Tutta da scoprire. Ogni angolo ha una sua bellezza nascosta o visibile a tutti. Meraviglie da scoprire e da lasciare senza fiato. Anche qui, quello che vediamo, riflette come siamo internamente. La positività e la bellezza che trasmettiamo. E spesso me ne rendo conto guardando le foto che faccio. Quando sono felicissima faccio foto stupende, quando sono ni fu ni fa, non escono. Sono spente, come me. Nada.

Amore per l’Italia.
Per quanti casini ci siano, per quanto sia assurdo stare al passo con ciò che succede, che onestamente ora non sto seguendo per nulla, ho avuto modo di riscoprire l’Italia. E’ amatissima dagli stranieri, la nostra lingua è poesia pura, e ha un suono dolcissimo. Abbiamo delle bellezze, che forse perché le abbiamo a un passo dal naso, ce ne dimentichiamo e tendiamo a sottovalutarle.

Amore per la cucina spagnola.
Io ho seriamente una dipendenza dal Jamon. Tutti i tipi di Jamon, nessuna eccezione. Il fatto è che li mangerei persino a colazione. Aiuto! La cucina è speciale, unica.

Amore. Amore. Amore. Ne abbiamo costantemente bisogno!
Rileggendolo pare che abbia mangiato un barattolo di miele. O più probabilmente che me lo sia fumato, plastica compresa.

La foto della copertina, l’ho scattata nel Barrio del Carmen.
E’ semplicemente perfetta, e riassume tutte le emozioni di questa città.
La città dell’Amore.

  1. Come ogni volta, una lettura tutta d’un fiato! Un bellissimo racconto della tua vita. Grazie grazie grazie! Ti seguo sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: